Monday, September 26, 2016

Giovanni Ferrario, Francesco Di Bella, Nadàr Solo, His Clancyness e Calibro 35 gli ospiti del mese di ottobre!!

Settembre sta volando via, sabato arriva ottobre, ed è quindi il momento dell'annuncio degli ospiti del mese, anticipato l'altro ieri in trasmissione (qui il podcast). Un mese molto ricco di novità ed uscite, e quindi anche di ospiti, tutti nomi ben noti dalle nostre parti, quasi tutti già accolti in passato.

Inizieremo questo sabato, 1° ottobre, presentandovi in anteprima il nuovo progetto di un artista cui siamo particolarmente legati, al punto che il suo ultimo album solista uscì per Pocket Heaven, l'etichetta che nacque da una costola di Panoplie.


Giovanni Ferrario è un musicista, autore e produttore molto eclettico, che negli ultimi anni ha lavorato con un gran numero artisti, fra cui PJ Harvey, John Parish, Le Luci della Centrale Elettrica, Sepiatone, Hugo Race e Rokia Traoré.
Lo avevamo incontrato l'ultima volta nell'ottobre dell'anno scorso a Roma, impegnato come chitarrista degli Scisma, con cui del resto aveva collaborato già ai tempi di Armstrong, che aveva prodotto insieme a Paolo Benvegnù.

Prima dell'estate siamo stati felici di annunciare che il suo nuovo album, sotto la sigla Giovanni Ferrario Alliance, sarebbe stato pubblicato il 7 ottobre da We Were Never Being Boring.

Un lavoro che riunisce brani scritti in questi anni di tante diverse collaborazioni, e che forse anche per questo risulta particolarmente vario, pur riportandoci il suo inconfondibile ed affascinante stile.



Sabato 8 i graditi ospiti saranno addirittura due, a partire da un artista che apprezziamo e seguiamo da molto tempo.


Francesco Di Bella è stato per 15 anni il frontman dei 24 Grana, band napoletana dal percorso originale e variegato, iniziato fra punk, elettronica e dub, proseguito con esplorazioni psichedeliche e finito per avvicinarsi al cantautorato.
Nel 2013 ha lasciato il gruppo per dedicarsi ad un percorso solista che aveva iniziato già da qualche anno, ed ha pubblicato Francesco Di Bella & Ballads Café, album composto per la quasi totalità da brani del repertorio dei 24 Grana, reintepretati in chiave più intimista.

Quest'anno sono arrivati due nuovi singoli, prima e dopo l'estate, ad anticipare il suo primo disco solista di inediti, che si intitolerà Nuova Gianturco e sarà pubblicato il 30 settembre da La Canzonetta Record.

Un album che ci sta piacendo molto, e che conferma il talento dell'artista napoletano, autore di melodie dolci e coinvolgenti e di testi mai banali.



Sempre sabato 8, vi presenteremo un altro disco di cui vi abbiamo iniziato a parlare prima dell'estate, quinto lavoro per una band che apprezziamo molto.

Prova ne sia che quando li abbiamo scoperti (grazie a Pierpaolo Capovilla, loro ospite in un brano) li abbiamo ospitati due volte nel corso dello stesso anno.
A gennaio 2014 abbiamo parlato con colpevole ritardo del loro terzo album, Diversamente, come? (uscito nel febbraio 2013), mentre a novembre vi abbiamo presentato con buon tempismo Fame, ad oggi il loro ultimo disco, che ha confermato la loro grande energia, sottolineandone anche l'ulteriore crescita e maturazione.

Stiamo parlando dei Nadàr Solo, trio torinese che unisce un'anima rock dal grande impatto a liriche mai banali, che prima dell'estate ha annunciato l'uscita del quinto disco. Si intitolerà Semplice e sarà pubblicato il prossimo 7 ottobre da Tirreno Dischi.

"Un disco schietto, evidente, fatto a modo suo. Violento e delicato come un cucciolo di tigre, impastato di graffi e carezze. È un disco che parla d’amore, guerra, paura, desideri, ambizioni, frustrazioni, felicità."



Sabato 15 sarà il momento del nostro appuntamento speciale, quello con lo spazio mensile che ha debuttato a novembre, segnando il grande ritorno di Raf, che ha creato e condotto Sentieri Sonori per 12 anni, fino al 2010, quando si è (ri)trasferito per cinque anni nella sua Roma.
Tornato a Lussemburgo, ha pensato ad un nuovo progetto da inserire nella grande "casa" della nostra trasmissione, coinvolgendo l'amico Jacopo: ecco nati i Radioracconti di Sentieri Sonori, che vanno in onda una volta al mese, riunendo canzoni, racconti ed ospiti intorno ad un tema.
La prima trasmissione della nuova stagione è stata dedicata al vino.. curiosi di sapere cosa ci riserveranno stavolta?


Sabato 22 daremo il bentornato ad un artista ormai di casa a Sentieri Sonori ed a Lussemburgo, dove è stato accolto più volte, prima come frontman di A Classic Education, poi come His Clancyness.. e dove tornerà ben presto!


L'ultima volta, abbiamo ospitato Jonathan Clancy a aprile (qui il podcast) nella veste di discografico, per presentarci il fantastico disco di Krano, pubblicato dalla sua etichetta. Non avevamo resistito alla tentazione di uscire un attimo fuori tema, per chiedere novità che lo riguardassero direttamente, e ci aveva annunciato che il nuovo disco di His Clancyness sarebbe uscito dopo l'estate, anticipato a giugno da un primo singolo, che vi abbiamo presentato sia qui sul blog che in trasmissione.

L'album si intitolerà Isolation Culture, sarà pubblicato il 14 ottobre, e sarà accompagnato da un tour europeo che toccherà Lussemburgo, e più in particolare De Gudde Wellen, il 12 ottobre (qui l’evento FB).




Chiuderemo infine il mese, sabato 29, con altri ospiti per noi molto speciali. 
Non abbiamo certo bisogno di spiegare ai nostri ascoltatori il legame che ci unisce ai Calibro 35ci vantiamo spesso e volentieri di aver organizzato il loro primo concerto in assoluto, nell'ormai lontano gennaio 2008, e da allora li abbiamo riportati live a Lussemburgo molte volte, ospitati in trasmissione ad ogni uscita, e da qualche anno ci hanno regalato la sigla di Sentieri Sonori.

Una band che siamo stati felicissimi di veder crescere di anno in anno, fra dischi in studio, colonne sonore, programmi tv e una quantità incredibile di concerti.. mancava solo una cosa, a questo punto: un disco dal vivo!
Anche questa lacuna sarà colmata il 21 ottobre, quando Record Kicks pubblicherà CLBR35 live from S.P.A.C.E.: quasi 50 minuti di live, contenenti in buona parte brani tratti dal loro ultimo S.P.A.C.E., oltre ad alcuni classici della band come Notte in Bovisa e proprio la nostra sigla, Eurocrime.

Il materiale è tratto da due serate speciali svoltesi al Biko di Milano la scorsa primavera, in cui erano ospiti anche i fiati di Paolo Raineri (tromba) e Francesco Bucci (trombone), ovvero gli Ottone Pesante, agli stessi strumenti anche sul disco da studio.


 


Il programma è come sempre molto denso e vario.. non ci resta che raccomandarvi di continuare a seguircitutti i sabato mattina dalle 11.30 alle 13, in diretta FM (102.9 & 105.2) o live streaming su Radio Ara, o quando volete comodamente in podcast..
STAY TUNED!!

Sunday, September 25, 2016

Niccolò Fabi a Lussemburgo fra un mese e mezzo!!

Un mese e mezzo al grande appuntamento, dopo averlo fatto ieri in trasmissione (qui il podcast), è il momento di ricordarvelo anche qui sul blog: il 7 novembre saremo molto felici di accogliere in concerto al Bar National il grande Niccolò Fabi!!

Il cantautore romano ha pubblicato il 22 aprile scorso Una somma di piccole cose, il suo nono album, il primo dopo l'enorme successo dell'album e del tour in trio con Daniele Sivestri e Max Gazzé, debuttando addirittura al primo posto della classifica FIMI.
Ve ne abbiamo parlato e ve lo abbiamo fatto ascoltare più volte, sia in trasmissione che qui sul blog, un album particolarmente poetico e toccante, che Niccolò ha realizzato in completa solitudine, in una casa di campagna vicino Roma, a Campagnano.
La notizia di questa settimana, come detto anche ieri, è la vittoria della Targa Tenco per il migliore album, come gli era già successo nel 2013 con Ecco.

Per il tour italiano, partito il 18 maggio da Assisi, ha deciso di farsi accompagnare da una band già esistente, quella di Bianco, giovane cantautore torinese, ed è stata una marcia trionfale, con sale tutte sold out ed entusiaste.

Ad inizio giugno vi abbiamo annunciato che un tour europeo sarebbe seguito in autunno, arrivando il 7 novembre a Lussemburgo, più precisamente al Bar National, che è stato aperto negli scorsi mesi nella struttura del Théâtre National, sulla route de Longwy.

Teniamo a ringraziare nuovamente l'amico Ture, il manager del locale, che fin dalla sua apertura ci ha contattati per contribuire alla sua programmazione.

E come meglio iniziare questa collaborazione che portando un artista che apprezziamo e seguiamo fin dai suoi esordi, e che di disco in disco sta acquisendo una dimensione ed uno spessore sempre più importanti?

Le prevendite sono online a questo link: come detto, Niccolò è ormai abituato ai sold out, quindi state attenti.. cya there!!





Saturday, September 24, 2016

The Zen Circus nel podcast della settimana, già online!

Non avete potuto ascoltare in diretta la trasmissione di oggi, ospiti The Zen Circus, o forse volete riascoltarla?
La trovate a questo link, in streaming o download: enjoy!!


Tracklist:
1
Eurocrime!
Calibro 35
2
Se io fossi il giudice
Afterhours
3
Caminanti
Cesare Basile
4
Place your bet
Milo Scaglioni
5
Progetto
Francesco di Bella
6
Goose 4
Giovanni Ferrario Alliance
7
Aprile
Nadàr Solo
8
Pale fear
His Clancyness
9
Benicio Del Toro
Roberto Angelini
10
Roma stasera
Motta
11
Mi e ti
Krano
12
Una somma di piccole cose
Niccolò Fabi
13
La ballata delle ossa
Tre Allegri Ragazzi Morti
14
La Terza Guerra Mondiale
The Zen Circus
15
Zingara (Il Cattivista)
The Zen Circus

In onda fra poco, ospiti The Zen Circus!!

Sono quasi le 11.30 di sabato mattina, pronti come ogni settimana a seguirci su nuovi Sentieri Sonori?

Non potrà essere con noi come annunciato l'amico Steven Forti (ZibaldoneRadio Contrabanda) da Barcelona, che tornerà ad ottobre, ma il programma sarà comunque bello denso, a partire da molte belle novità. Vi presenteremo fra l'altro l'esordio solista di Milo Scaglioni e le nuove anticipazioni dai prossimi album di Nadàr Solo, His ClancynessGiovanni Ferrario Alliance e Francesco Di Bella.
Saremo poi lieti di occuparci di un disco uscito giusto ieri, che ha segnato il ritorno di una band che seguiamo ed apprezziamo ormai da molti anni.

Sto parlando di The Zen Circus, che tornano dopo una pausa nel corso della quale si sono dedicati ai vari progetti personali, nel caso di Appino pubblicando il secondo disco solista, Grande Raccordo Animale, che abbiamo incluso nelle Sentieri Sonori Picks 2015.
Il loro nuovo album si intitola La Terza Guerra Mondiale, è stato pubblicato come dicevo ieri, ed è stato anticipato da due splendidi singoli che vi abbiamo proposto sia in trasmissione che qui sul blog, Ilenia e L’anima non conta.

Un disco di assoluto spessore per una band che negli anni ha saputo da un lato restare fedele al proprio sound ed alla propria poetica, ma dall'altro anche evolversi e crescere, e per noi è ormai senza dubbio una delle realtà più belle e valide del rock italiano. 
Saremo lieti di presentarvelo con una bella chiacchierata con il batterista Karim Qqru, già nostro ospite per il loro precedente album.

 

READY TO TUNE IN?!!
11.30/13, su Radio Ara, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link, podcast a seguire qui.

Friday, September 23, 2016

Cesare Basile intervista Manuel Agnelli

Negli ultimi tempi si sta parlando molto di Manuel Agnelli, anche nei media generalisti, in primo luogo per la sua partecipazione ad X-Factor.
Noi preferiamo continuare a parlarvi di Folfiri o Folfox, l’ultimo splendido album dei suoi Afterhours, che vi abbiamo presentato a giugno con una puntata monografica e l’intervista a Rodrigo D’Erasmo (qui il link al podcast).

Il disco è stato lanciato fra l'altro con un tour di incontri nelle Feltrinelli, nel corso dei quali Manuel è stato intervistato da vari moderatori. Quello di Catania lo ha visto confrontarsi con un altro musicista che amiamo molto, suo (e mi permetto di dire anche nostro) vecchio amico, Cesare Basile.
Giusto ieri ho trovato su YouTube il video di questo incontro, che voglio presentarvi quest’oggi. Si tratta di più di un’ora di filmato, che però spero troverete il tempo di guardare ed ascoltare: partendo dal disco, questi due grandi artisti danno non pochi spunti di riflessione sul mondo della musica, e non solo, dei giorni nostri.

Ciliegina sulla torta, Manuel conclude mettendosi alla chitarra ed al piano, per eseguire quattro brani da questo incredibile disco: take your time & enjoy!!




Thursday, September 22, 2016

In onda sabato mattina, ospiti The Zen Circus!!

La settimana sta come sempre volando via, si avvicina il weekend, e con esso il vostro appuntamento con Sentieri Sonori!!

Non potrà essere con noi come annunciato l'amico Steven Forti (ZibaldoneRadio Contrabanda) da Barcelona, che tornerà ad ottobre, ma il programma sarà comunque bello denso, a partire da molte belle novità. Vi presenteremo fra l'altro l'esordio solista di Milo Scaglioni e le nuove anticipazioni dai prossimi album di Nadàr SoloHis Clancyness, Giovanni Ferrario Alliance e Francesco Di Bella.
Saremo poi lieti di occuparci di un disco che uscirà giusto domani, e segnerà il ritorno di una band che seguiamo ed apprezziamo ormai da molti anni.

Sto parlando di The Zen Circus, che tornano dopo una pausa nel corso della quale si sono dedicati ai vari progetti personali, nel caso di Appino pubblicando il secondo disco solista, Grande Raccordo Animale, che abbiamo incluso nelle Sentieri Sonori Picks 2015.
Il loro nuovo album si intitolerà La Terza Guerra Mondiale, sarà pubblicato come dicevo domani, ed è stato anticipato da due splendidi singoli che vi abbiamo proposto sia in trasmissione che qui sul blog, Ilenia e L’anima non conta.

Un disco di assoluto spessore per una band che negli anni ha saputo da un lato restare fedele al proprio sound ed alla propria poetica, ma dall'altro anche evolversi e crescere, e per noi è ormai senza dubbio una delle realtà più belle e valide del rock italiano. 
Saremo lieti di presentarvelo con una bella chiacchierata con il batterista Karim Qqru, già nostro ospite per il loro precedente album.

 

La raccomandazione è la solita: READY TO TUNE IN?!!
Sabato 24 settembre, 11.30/13, su Radio Ara, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link, podcast a seguire qui.

Wednesday, September 21, 2016

Primo video per Daniela Savoldi: People

Questa mattina torniamo a parlare di un disco di esordio che esce un po' dai sentieri sonori che frequentiamo abitualmente, ma che mi sta affascinando e conquistando.

Si tratta infatti di un disco per solo violoncello, opera però di un'artista che non solo conosciamo ed apprezziamo, ma che abbiamo anche avuto modo di portare a suonare a Lussemburgo in passato.
Daniela Savoldi è una musicista italo-brasiliana, di base a Brescia, che ha affiancato agli studi classici (è diplomata in conservatorio) una serie di esperienze musicali importanti e varie, dai Muse a Nada, dai Calibro 35 ai Corimé, fino ad IG, progetto di Ivana Gatti e Gianni Maroccolo con cui si esibì al d:qliq, nell'ormai lontano dicembre 2006.

Il 3 giugno scorso ha pubblicato il suo primo album solista, in senso stretto, perché si tratta come dicevo di un disco per solo violoncello, con l'uso di una loop station.

Trasformazioni si compone di sei movimenti, e si muove con estrema naturalezza fra musica classica, jazz, contemporanea, orientale.. creando un universo musicale estremamente variegato, che sembra fondersi di brano in brano a definire una propria ed cifra stilistica, originale ed affascinante.

Nei giorni scorsi è stato pubblicato il primo video estratto dal disco, realizzato da Erica Terenzi e coreografato da Marina Rossi, per il brano PeopleLa musicista ha fortemente voluto sperimentare la contaminazione con la danza contemporanea lavorando dal vivo con i performers durante le tappe precedenti alla realizzazione dei video. Questo tipo di incontro, umano e artistico, ha permesso di creare un legame significativo e giusto per la realizzazione dell’intero lavoro.
Nel proporvelo, vi invito anche a scoprire questo splendido album tramite il player qui sotto, che permette anche di comprarlo con pochi click, in versione digitale o in vinile: enjoy & support good indipendent music!!






Tuesday, September 20, 2016

Nuovo video per Motta: Roma stasera (live)

Quest’oggi siamo molto felici di tornare a parlare di quella che per noi è stata senza dubbio una delle, se non addirittura la rivelazione di quest’anno.

Stiamo parlando di Motta, giovane e talentuoso cantautore all’esordio solista, che vi abbiamo presentato a marzo con un’intervista (qui il link al podcast), ma che già conoscevamo ed avevamo ospitato nel settembre 2012 come frontman dei Criminal Jokers.
Negli ultimi anni l'artista toscano si è impegnato in varie collaborazioni, da Nada (con cui ha suonato basso e chitarra) al Pan del diavolo (alla batteria), dagli Zen Circus (tecnico del suono) a Giovanni Truppi (chitarra e tastiere) ed ha studiato composizione per film al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, realizzando ben quattro colonne sonore.

Allo stesso tempo, ha iniziato quello che ci ha raccontato essere stato un lavoro molto lungo, che lo ha portato a pubblicare a marzo il suo primo disco solista, La fine dei vent'anni, prodotto da un altro artista che amiamo molto, Riccardo Sinigallia.
Un disco molto ispirato, nei testi come nelle musiche, che vede la partecipazione di una serie di ottimi musicisti, come Cesare Petulicchio (Bud Spencer Blues Explosion), Andrea Pesce, Guglielmo Ridolfo Gagliano e Giorgio Canali.

Giusto ieri è stato pubblicato il video del nuovo singolo, Roma stasera, uno dei brani che ci sono maggiormente piaciuti e che abbiamo trasmesso più spesso.
Un bel video dal vivo, girato per l’appunto a Roma, che testimonia il valore ed il successo del suo tour: enjoy!!






Monday, September 19, 2016

Nuovo video per Simona Norato: Negli anni 80

Iniziamo la settimana parlandovi di un'artista che avevamo scoperto quasi esattamente un anno e mezzo fa.

Posso addirittura dare la data esatta della scoperta: 14 marzo 2015. 
Quel giorno vi abbiamo presentato con un'intervista (podcast ancora disponibile qui) il nuovo splendido disco di Cesare Basile, che ci ha parlato fra l'altro dei suoi collaboratori, citando Simona Norato, e raccontandoci di aver prodotto il primo album di questa giovane cantautrice.
Confesso che non la conoscevo: vista la grande stima che abbiamo di Cesare, sono andato subito a cercare la sua biografia, scoprendo che si tratta di una musicista attiva dai primi anni 2000 in vari progetti, fra cui Dimartino e Iotatola.

Il suo 
interessante debutto solista, La fine del mondo, è stato pubblicato nel febbraio 2015, e la sua autrice lo presentava così: “Questo disco è il frutto di una scrittura incoercibile, come il reflusso gastrico perpetuo dopo la sbronza. La morte alcolica dell'eroe senza pelle che si rinchiude in casa per paura e per amore dell'uomo, è necessaria. Perché è la fine che precede il principio, non il contrario. Questo disco parla di Rinascita, parla di quella salvezza che proviene dalla scrittura, dal racconto. La bellezza del viaggio che prescinde dal risultato e nutre, qui ed ora. La ricerca di nuovi modelli culturali che cancellino quelli vecchi, ingoiati senza critiche. La rivoluzione allo specchio. Il cambiamento ed il movimento applicati innanzitutto a se stessi, perché lasciarsi non è la fine del mondo”.


Nei giorni scorsi è stato pubblicato il secondo singolo, accompagnato da un video girato a Palermo da Giuseppe Lanno e Isabella Tortola.
Negli anni 80 è un giocoso omaggio a un decennio seminale ma anche un viaggio nel mondo camaleontico e visionario della cantautrice: enjoy



Sunday, September 18, 2016

Seconda anticipazione dal nuovo disco di Francesco di Bella: Progetto (feat. Neffa)

Quasi quattro mesi fa siamo stati felici di proporvi in trasmissione (qui il podcast) il nuovo bel singolo di un artista che apprezziamo e seguiamo da molto tempo.

Francesco Di Bella è stato per 15 anni il frontman dei 24 Grana, band napoletana dal percorso originale e variegato, iniziato fra punk, elettronica e dub, proseguito con esplorazioni psichedeliche e finito per avvicinarsi al cantautorato.
Nel 2013 ha lasciato il gruppo per dedicarsi ad un percorso solista che aveva iniziato già da qualche anno, ed ha pubblicato Francesco Di Bella & Ballads Café, album composto per la quasi totalità da brani del repertorio dei 24 Grana, reintepretati in chiave più intimista.

Il singolo uscito a maggio anticipava Nuova Gianturco, il nuovo disco che sarà pubblicato il 30 settembre da La Canzonetta Record, e confermava il talento dell'artista napoletano, autore di melodie dolci e coinvolgenti e di testi mai banali.
La stessa cosa si può dire del nuovo singolo uscito questa settimana, Progetto, con la partecipazione di Neffa. Ve lo propongo in questa che a Lussemburgo pare la prima domenica di autunno: enjoy!!